Rischiò di morire mentre Giocava a Calcio: ora sarà Allenatore

Fucecchio, 29 agosto 2018 – Dopo aver vinto la sfida per la vita, è pronto a tornare in campo. Non vestirà la casacca da giocatore, impossibile al momento per il suo cuore a rischio, ma siederà sulla panchina dell’Us Ponte a Elsa 2005. E’ questa la nuova avventura in cui si è lanciato Lorenzo Gori, 26 anni, pratese di origini ma fucecchiese di adozione, in nome dell’amore per la futura moglie Alessandra.

E’ il giovane che la sera del 4 luglio venne colpito da un arresto cardiaco e strappato alla morte dal pronto intervento di Luisa Giorgi, infermiera del 118: fuori servizio, era a cena alla Festa dell’Unità di Ponte a Elsa, a due passi dal campetto dove il ragazzo si accasciò prima del fischio d’inizio. Niente battito, niente respiro.

L’infermiera lo rianimò, tra massaggio cardiaco e scariche del defibrillatore di cui è dotato l’impianto. Dopo due settimane in ospedale, Lorenzo ha ripreso in mano le redini della sua vita con tenacia. «Sono tornato al lavoro, piano piano – racconta con la gioia nella voce – Anzi devo ringraziare la mia titolare e i miei colleghi, davvero impagabili per le loro attenzioni».

Poco importa se ancora non può guidare, «va meglio, questo è ciò che conta, e adesso si è concretizzata anche la collaborazione con l’Us Ponte a Elsa 2005». Un ‘legame’ anticipato dal nostro giornale negli stessi giorni in cui Gori annunciò di voler promuovere insieme all’infermiera cui deve la vita un progetto per la sicurezza negli impianti sportivi: l’obiettivo è rendere obbligatoria la presenza di un infermiere del 118 in ogni stadio che ospiti un evento.

«Ancora non abbiamo avuto modo – spiega il 26enne – ma ne parleremo anche con la dirigenza dell’Us Ponte a Elsa 2005 alla quale va il mio grazie. Firmare l’incarico è stato bello. Allenare è un’esperienza nuova, mi permette comunque di tenere il pallone tra i piedi. Partiremo il 5 settembre: sono curioso di vedere che effetto mi farà veder giocare gli altri».

 

  • Perché avere un Defibrillatore nelle immediate vicinanze, e pronto all’uso, può salvarti la vita? >> Guarda il Video <<
  • Sapevi che alcuni Defibrillatori hanno un’Assistenza Vocale integrata che Guida il Soccorritore in ogni Fase della Rianimazione Cardiopolmonare? >> Scopri di Più <<
  • Se hai un’Azienda, una Società o una Partita IVA e decidi di acquistare un Defibrillatore, hai diritto agli Incentivi Fiscali statali destinati a chi mette in sicurezza i propri Luoghi di Lavoro, come:- il Super Ammortamento del 130% sulla Dichiarazione dei Redditi del 2018
    – la Riduzione del Tasso di Premio INAIL.

Oltre agli sgravi fiscali previsti dallo Stato, puoi avere un Defibrillatore Samaritan PAD 350P della HeartSine al 45% di sconto, e con Pagamento Rateizzabile. >> Scopri di più! <<

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.